Jet-ski regolamentati

Jet-Ski e spiagge, nuove regole

Si è tenuto ieri un incontro fra tutte le autorità di Phuket, per coordinare le azioni necessarie per seguire le decisioni prese dal governo centrale che ha ribadito che tutte le spiagge di Phuket devono essere libere da ogni tipo di attività commerciale, compresi i Jet-ski che hanno ricominciato ad operare dopo le azioni intraprese nei mesi precedenti.
L’incontro ha riunito la maggior parte delle autorità di Phuket a livello distrettuale e provinciale, ed è stata presieduta congiuntamente dal Comandante della Polizia, del Royal Thai Navy della Provincia e dal Vice-Governatore.
“Due spiagge – Nai Yang e Kamala – devono ancora essere ripulite completamente a causa di battaglie giudiziarie intraprese dai gestori delle attività sotto tiro per evitare lo smantellamento delle loro strutture, ha spiegato il Vice Governatore.
“Tuttavia, ha detto, gli operatori del settore non sono autorizzati a tornare sulla spiaggia. Non ci sono eccezioni, neanche fra gli operatori dei Jet-ski.”
“I Jet-ski non sono autorizzati a parcheggiare sulla spiaggia. Gli operatori li possono parcheggiare su un terreno privato e se fosse necessario, organizzeremo per loro regole che prevedano percorsi per l’ingresso e di uscita dei Jet-ski e anche limiti di tempo per operare. L’Ufficio Marine Phuket avrà questa responsabilità per determinare la zona di stazionamento, i tempi e la sicurezza.
“Le spiagge devono essere liberi da imprese private, perché sono terreni pubblici. Per quanto riguarda i piccoli operatori che potrebbero essere stati colpiti dall’operazione spiaggia pulita voluta dai militari al governo, stiamo già collaborando con i funzionari e con gli operatori privati per aiutarli a ricollocarsi.
“Per quanto riguarda gli operatori del settore che stanno ancora oggi mettendo grandi cuscini sulla spiaggia di Surin Beach, andrò io a parlare personalmente con loro e a sottolineare che non è consentito farlo, se non nelle loro aree private.
Il Comandante della Polizia, Gen Pachara, ha sottolineato anche, che i taxi con la banda nera debbono “scomparire” dall’isola.
“Io mi occuperò personalmente di affrontare questo problema e tutti i taxi illegali saranno presto un ricordo. Siamo anche alla ricerca di luoghi per creare alcune stazioni di autobus che siano adeguati per il trasporto pubblico.”
Il Vice Governatore si è mostrato fiducioso nel fatto che le spiagge e la manodopera necessaria per garantirne la sicurezza, saranno pronti per l’alta stagione.
“Abbiamo già fatto tornare le spiagge di tutta Phuket al loro stato naturale e siamo pronti ad accogliere i turisti per la prossima stagione,” ha detto.
“Ci sono già, squadre di addetti alla sicurezza, in piedi accanto ai turisti, per aiutarli in caso di eventuali incidenti, sia in acqua che a terra.”
“Noi continueremo a modificare il paesaggio in ogni spiaggia e a svolgere attività come piantare alberi e organizzare la raccolta dei rifiuti, come abbiamo fatto finora.
“La cosa più importante è che noi stiamo attuando campagne di sensibilizzazione con i leader delle comunità, al fine di convincere le popolazioni locali ad amare le spiagge concretamente, in quanto queste persone sono l’elemento più importante per mantenere la loro condizione.”

Here in English language

Show Comments

Comments are closed.